LO SGUARDO ATTESO APPUNTI DI VIAGGIO TRA I BORGHI DI SICILIA

89
Ente Parco delle Madonie

LO SGUARDO ATTESO APPUNTI DI VIAGGI TRA I BORGHI DI SICILIA

LE PAGINE RACCONTATE OGGI A PALAZZO SANT’ELIA A PALERMO DALL’AUTRICE E DAL COMMISSARIO DEL PARCO DELLE MADONIE

LO SGUARDO ATTESO
Sarà presentato oggi 3 gennaio, alle 11.30, a Palazzo Sant’Elia, via Maqueda 81, a Palermo il libro di Antonella Italia: “Lo Sguardo Atteso, Appunti di viaggio tra i borghi di Sicilia”, edito dalla casa editrice Arianna. Sarà la stessa autrice, assieme al commissario del Parco delle Madonie Salvatore Caltagirone e all’editrice Arianna Attinasi, a raccontare le pagine di questa guida esperienziale, la prima guida del genere per le Madonie, che sarà distribuita, in conto vendita, nei Presidi Turistici presenti a Palermo Palazzo Sant’Elia, Cefalù e Petralia Soprana.
Il libro dell’architetto paesaggista, Antonella Italia, propone un viaggio, fisico ed insieme immaginario, di grande suggestione, tra paesi gioiello, boschi, abbazie e chiese. Tra luoghi inaspettati, decentrati, dove scoprire una stratificazione storica, ricca e densa di paesi e piccoli borghi incantati, radice stessa di un museo diffuso tutto italiano. Un itinerario ideale che percorre la ss120 e si inerpica in una terra di mezzo, come le Madonie, tra i monti che dividono la Sicilia occidentale da quella orientale. Di questi luoghi l’autrice ne traccia colori e bellezze, ne intreccia parole ed immagini, presenta dall’incanto della montagna alla magia melodiosa del mare, con lo stupore che offrono gli antri, vicoli e cortili di borghi come Cefalù, Gangi, Petralia Soprana e Geraci Siculo.
L’autrice che veste i panni di narratrice, viaggiatrice e principalmente da sognatrice ha voluto trasformare le ultime pagine in un taccuino da viaggio che offre al lettore la possibilità di appuntare le proprie emozioni provate durante la lettura e in occasione della visita dei luoghi descritti nel romanzo. Pagine bianche, che servono da invito a visitare i luoghi illustrati e fermare il tempo con un disegno, un tratto di china o anche una frase.
L’invito è quello di provare le stesse emozioni descritte dall’autrice e vivere un’esperienza diversa, approfondire la cultura e la tradizione del luogo, immergendosi nella quotidianità e farsi permeare dall’autenticità del territorio e delle tradizioni culturali, storiche ed enogastronomiche.
Nei cinque capitoli, del libro, vi è anche l’essenza di luoghi della memoria, quali sono i parchi letterari di Polizzi Generosa dedicato a Giuseppe Antonio Borgese e Aliminusa a Giuseppe Giovanni Battaglia, ma anche luoghi simbolo come la Fondazione Villa Piccolo di Calanovella di Capo d’Orlando e Palermo città d’arte e cultura.