Il 9 maggio a Castellana Sicula si celebra la Giornata Nazionale della Bicicletta

227
giornata_bicicletta
Il Parco delle Madonie, il Comune di Castellana Sicula e diverse realtà associative del territorio hanno aderito alla prima giornata nazionale della Bicicletta, promossa dal Ministero dell’Ambiente per incrementare lo sviluppo della mobilità  sostenibile nelle città italiane, con il primario obiettivo di favorire il miglioramento della qualità dell’ambiente nei centri urbani. 
La manifestazione , che si svolgerà il 9 maggio p.v., rientra nelle attività indicate nel programma “Voler bene all’Italia 2010” e si concretizzarà in una simpatica passeggiata da Castellana Sicula a Piano Battaglia e ritorno, attraversando Polizzi Generosa e i sentieri limitrofi ai borghi di Nociazzi e Calcarelli.
Il Ministero dell’Ambiente, reputando fondamentale lo sviluppo della mobilità sostenibile, ha adottato un programma grazie al quale sarà conferita ai Comuni aderenti all’iniziativa una Certificazione di qualità ambientale dell’ecosistema urbano.
Tale certificazione potrà costituire elemento di valutazione preferenziale in caso di partecipazione degli Enti a bandi di cofinanziamento nazionali e comunitari. Inoltre verrà implementata una banca dati delle attività poste in essere dalle amministrazioni coinvolte al fine di creare una rete di Comuni virtuosi nelle politiche di mobilità sostenibile.
E’ prevista anche una campagna di sensibilizzazione volta alla diffusione delle iniziative promosse dalle amministrazioni locali, al fine di promuovere e stimolare analoghe inizitive su tutto il territorio nazionale. “Abbiamo aderito con entusiasmo a questa manifestazione – afferma il commissario del Parco Angelo Aliquò – poiché si sposa perfettamente con le linee guida adottate dal Parco per il 2010. Fa piacere riscontrare che lo sviluppo delle attività sportive, e delle buone pratiche ambientali connesse a tali attività, siano individuate come prioritarie anche ai massimi livelli dell’amministrazione statale, tanto da premiare gli enti locali impegnati in tal senso. Queste conferme ci incoraggiano ad andare avanti ed a perseguire con maggiore convinzione quell’idea ambiziosa che vuole fare del Parco delle Madonie la più grande stazione ciclistica del Mediterraneo”.

Michele Ferraro