11 DICEMBRE IL PARCO DELLE MADONIE CELEBRA “LAGIORNATA MONDIALE DELLA MONTAGNA”

80

Il Parco delle Madonie celebra la Giornata mondiale della Montagna.
L’11 dicembre si celebra la Giornata Internazionale della Montagna, come stabilito dall’Assemblea generale dell’Onu nel dicembre 2003. L’agenzia incaricata dalle Nazioni Unite dell’organizzazione e della programmazione di questa giornata è la FAO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura). Lo scopo è di riflettere sull’importanza delle montagne per la vita delle persone e di sensibilizzare allo sviluppo sostenibile e alla tutela dell’ambiente.
l’11 dicembre prossimo, appuntamento sul sentiero Italia Cai, Portella Colla – Mandria Giumenta.
INFO E PRENOTAZIONI vincenza.forgia@unipa.it

INFO E PRENOTAZIONI vincenza.forgia@unipa.it

( L’ESCURSIONE – INFORMAZIONI )
L’escursione naturalistica avrà luogo nel massiccio del Monte Cervi propaggine occidentale del complesso montuoso delle Madonie, e si snoderà da Portella Colla fino alla Valle della Giumenta.L’itinerario, per buona parte si snoda lungo il Sentiero Italia iniziando dal bivio di Portella Colla, per poi procedere in discesa sulla strada forestale, con una ampia visuale del fianco ovest di Pizzo Carbonara, la montagna più alta delle Madonie, per continuare in direzione SE dove si può ammirare una bella visuale sul Monte Mufara e sulle Serre di Quacella.
Il percorso prosegue in salita tra una vegetazione che va progressivamente da quercia a faggio, con numerose presenze di agrifoglio.
Al km 1,46 si devia dalla strada forestale a destra verso un sentiero, che consente di raggiungere un punto panoramico su uno dei pianori più suggestivi delle Madonie; l’ampio Piano di Marrabilice più noto come Piano Cervi, contornato da una fitta e lussureggiante faggeta.Attraversato il pianoro si prosegue a destra lungo una strada sterrata che si immerge in una delle più belle faggete delle Madonie.Dopo una serie di tornanti la faggeta si dirada nel passo di “Portedda u Pumu” per raggiungere un punto panoramico, verso Piano dei Cervi, con Cozzo Piombino sullo sfondo.Facendo ritorno sulla strada forestale, dopo qualche decina di metri, sulla sinistra si incontra una riproduzione del tradizionale “Pagghiaru”, riparo dei pastori durante i mesi estivi, quando portavano le greggi a pascolare in montagna per poi proseguire sulla strada forestale e a destra sul sentiero che conduce a Valle Giumenta, dove si trova l’omonimo rifugio.