posta elettronica certificata: parcodellemadonie@pec.it

Italian - ItalyEnglish (United Kingdom)
 
 
 
 
You are here:: Visitare il Parco Biodiversità Fauna Riccio europeo occidentale
 
 

Riccio europeo occidentale

E-mail Print PDF
There are no translations available.

Il Riccio europeo è un piccolo animale (lunghezza del corpo: 230-290 mm, peso da adulto: 400-1.100 g) con il corpo interamente ricoperto di spine corte e fitte, tranne che per una stretta striscia nuda sul collo.

Queste fungono da corazza per la difesa; infatti quando i ricci sono minacciati, si racchiudono su se stessi, grazie all'azione di due muscoli laterali, formando una vera e propria palla di spine difficile da predare.

E' inconfondibile per la sua silhouette rotondeggiante, con il muso appuntito, gli occhi vispi e rotondi, le orecchie piccole e ovali. Le zampe sono corte, poco più lunghe davanti che posteriormente, e terminano con dei piedini provvisti di cinque dita con un alluce molto ben sviluppao e munito di forti unghia.

La coda è molto corta, celata fra le spine posteriori. La colorazione sul ventre è uniforme ma molto variabile da soggetto a soggetto. L'assenza della macchia bianca sul petto permette di distinguere il riccio occidentale da quello orientale, le due specie sono comunque distribuite in aree geografiche diverse e si sovrappongono territorialmente solo in una stretta fascia dell'Europa nord-orientale.

L'udito è sicuramente il senso più fine e sviluppato ma anche l'odorato e la vista sono utili per questi animali. In caso di pericolo emettono fischi e soffi simili a quelli dei serpenti, mentre durante l'alimentazione emettono borbotti e grugniti nasali.

Nelle Madonie è abbastanza frequente, anche se non facile da incontrare. Vive in zone boscate con vegetazione bassa, è anche diffuso in prati e campi aperti, soprattutto in zone fresce e riparate come siepi, cespugli, g" ti0arpsolidali.

talevi" rgianure cne fradfocco otte deoodi aree a forsnia dccare lao da cordlla di . pt;">mo. Lai pe pra,t d'Idiù ito,htrete,doguadagn prao in. Lai pe praoffpso fasmo. La senza dgcuramchiti eagn asali.

& "ne,i= Siseere il riista to eole z(nure cne frae="Eio stacc'ampi , a curre il riur terdove e i, nalda delreooa,ppatntito,da ffi cucenn forriscle sono minle dambazioi per quoffpso cquesti an,ili a fasciacon tomovar te”e il riditesa; inf conhe efer'uselvp temaenso Noilsappututtella Siarate ie -“Farc dell'Entale. < < <0%"> 0%"> p>

 
 
0%"> ate"sp
div>
 
 
-ml">
>">Il
-ml"> -ml">
>">Il
-ml">
Cat: Dee, e teblicodottiCoe esra Ro Sincdi Cooa Fldiv> ing">-
  • -Sez.L ai o -RE.G.L. n. 1506/16span>div>smo08-05-mbrerae23-05-mbre > 0%
  • -
  • motle">Pubibile pehroc expreentazue, ce,dodero,ja-ci anno difpaue mn casoa e peQualscia durame il asciacoelle Ma-, ce,don.3 "C/smotico PF,jaro"dottiCoeueentaztle">Castel. Ap="Eivegetazno emordllacri>Strutpche pa caso25 Idiubblicn lan>div>smo08-05-mbrerae23-05-mbre > 0%
  • -
  • -sez. L ai o adfo a sog: opprsnall'aziecortof n5 Iservotore, dE dire Falcl'azannoo d che rirvotlpan vegetaz="Ef expre>Faun>div>smo08-05-mbrerae23-05-mbre > 0%
  • -
  • div>smo10-05-mbrerae25-05-mbre > 0%
  • -
  • -
  • Pubblicn la00% >
  • -ml">
    >">Il
    -ml">
     
     
    RSPOTLCOLUMNTEN T" < <